mi hai guardati i / polsi

mi hai guardati i
polsi appena
sbucati dall’inverno
del maglione
sento le assetate sfere
degli occhi studiarmi
le vene

la sete assecondo
girando le maniche
offrendo l’odore
la visione della
pelle bianca
bianca bianca

su un foglio disegni
perfetto il bianco

e più non ho i polsi

le vene zampillano
verdi gallerie interiori
si aprono di rosso
rosso più rosso

(ferito è il foglio e non il braccio
è questa e nient’altro la malinconia)

 

(e.z.)

17467582_1616050748409029_472419458_n m

Annunci
mi hai guardati i / polsi

Elena Zuccaccia, Ordine e Mutilazione |Poetarum Silva

Alcune poesie da Ordine e mutilazione (Pietre Vive Editore, 2016) su Poetarum Silva, che ringrazio:

Poetarum Silva


SINTAGMA

uno spavento a due teste
io e te
basta una sbavatura e
io è te
diluita e sparsa chissà dove tra la
…………………………………………..pelle
assorbita come sudore
ma io diversa da te
……………………io separata da te
se vuoi possiamo unirci
sovrapporci
………….combinarci
nelle infinite possibilità grammaticali
…………– io con te io tra di te io sopra sotto dietro davanti
……………………………………………di a da in con su per tra fra tutte ma non quella con la e
succhiarci via tutti i liquidi
………….prosciugarci
e però poi, asciutti, staccarci – io da te,
,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,fino a che non ci sarà da succhiare di nuovo

L’ARTISTA

gli usuali aggettivi di possesso
con te io non li conosco
potrei al massimo azzardarmi ad
infilarmi nel plurale
confondendomi nel mucchio tra il
resto
allora potrei anche provare a dire
nostro
e accaparrarmi quanto di te rimane
:
brandelli di…

View original post 246 altre parole

Elena Zuccaccia, Ordine e Mutilazione |Poetarum Silva